Nuova recensione: Thor: Ragnarok 10.11.2017



Un po ‘ di storia. La mia conoscenza con Thor, come, in generale, e la familiarità con l’attore Chris Хемсвортом, è iniziata con la sua prima сольника. Beh, visto che questo non è il miglior film di uno dei migliori (oserei dire) franchigie ho guardato in primo luogo, saltando da solista film di Hulk e dilogy di Iron man. E anche se il film poi, nel 2011, ha lasciato dietro di sé sentimenti contrastanti, il protagonista mi ha agganciato fin dai primi minuti. Il fatto è che io sono appassionato di mitologia dell’Antico Egitto, della Grecia e di Roma, ma la mitologia scandinava è sempre stato per me qualcosa di impegnativo, misterioso e cupo. E poi vedo il film con il nome di «Thor» e capisco che il personaggio principale è un dio nordico del tuono. «Un’ottima occasione per conoscere le leggende della Scandinavia», pensai. Così è iniziata la mia conoscenza e con киновселенной Marvel.

Scusate l’offtopic. Ora direttamente sul триквеле. Perfetto. In questa recensione, in linea di principio, sarebbe possibile completare. In esso c’è tutto quello che, a mio modesto parere, deve contenere кинокомикс Marvel: i personaggi colorati, azione e umorismo. Inoltre, l’umorismo è uno dei punti di forza del film e, a differenza del sequel di Guardiani della galassia, dove le battute nell’ultimo terzo del film è già più teso, che hanno divertito (imho), qui è con i primi minuti e fino alla fine dell’ultima scena dopo i titoli (spoiler: due di loro, anche se questo lo sai) costringe lo spettatore se non sfrenato ridere, almeno chiamare un sorriso sincero. Il regista del film, Taika Вайтити, meravigliosi «Reali demoni» di cui ho avuto l’onore di vedere un paio di settimane fa, è riuscito a creare qualcosa di incredibile con la parte finale della trilogia della Torah, il che rende molto colorato, divertente e драйвовой, non tanto con questo, partendo dai canoni del fumetto, ma piuttosto alterarlo. E credo che in questo non c’è nulla di male, perché le storie raccontate nei fumetti degli anni passati spesso scomodo spostare sul grande schermo, a volte è impossibile o molto costoso, almeno — è semplicemente poco interessante. Qui il regista, un po ‘ riposizionato la fonte primaria, in grado di mostrare non solo la Torah, che non abbiamo ancora mai visto, ma di Thor, che ci siamo guadagnati.

In comune la trama del film abbiamo imparato ancora di rimorchi: Hela, la dea della morte, decide di catturare Asgard, e dio tonante, insieme con la neonata squadra («la squadra di Thor, naturalmente» — chi ha visto questo sketch-trailer «Рагнарека», lo valuterà) deve interferire. Nella mitologia norrena, il Ragnarok (o Ragnarok) è la morte degli dei e del mondo intero. Non voglio спойлерить, dico solo che la Marvel ama giocare con i nomi dei film, come nel caso di «guerra Civile».

Voglio sottolineare anche il montaggio di un film. Chi è appassionato di кинокомиксами, lo ricorda il trailer del film «Batman vs Superman», dopo di che è stata la sensazione che hai già visto il film. Se dopo aver visto trailer di «Thor» avete avuto simili sensazioni, sappiate che il quadro sarà spesso vi stupirà. Che e ‘piaciuto molto, è il fatto che alcune scene mostrate nel trailer, nel film sembrano un po’ diverso: tu vedi la scena mostrata nel trailer, ma in un’altra posizione o modificato dettagli, e questo è davvero cool. In generale, colpi di scena qui ci sono, sono molti e sono interessanti.

Personaggi — la caratteristica principale dell’ultimo capitolo di «forti vigilante». E comincio io, forse, con il dio del tuono. È un nuovo eroe, non come l’eroe dei film precedenti. E non solo perché ha perso Мьельнира e i capelli lunghi. È cambiato radicalmente e la natura асгардца, la sua visione del mondo e, infine, il senso dell’umorismo. Thor per tutto il film costantemente rilascia scherzi! Thor! Scherzi! Ricordate, quando e ‘Thor’ spiegato in KVM? Ecco e io non me lo ricordo. Cambio di stile sicuramente è un bene per lui. Già verso la fine capisci che questo possente dio degno figlio di suo padre, pronto a prendere il trono di Asgard. Non dirò più niente — vedere di persona.

Hulk e Loki. Hulk in «Рагнареке» ha fatto molto di più che in tutti i suoi primi сольниках. Mark Ruffalo nuovo personalmente coinvolto nella cattura dei movimenti e fatto bene. Lungo soggiorno di Bruce aiuto di strange nelle sembianze di un mostro verde, non senza conseguenze: Hulk imparato a parlare e a trattenere la sua rabbia (quando non si tratta di gladiatori e combattimenti), ma si comporta come un bambino. E sopra Hulk, per quanto strano possa sembrare, è, probabilmente, farà ridere di più. Loki stesso — tipico dio trucco con tutte le conseguenze che ne derivano. Ha sempre intrighi e contagia i supereroi e la Torah in particolare, perché l’universo Marvel spesso soffre, ma anche lui non è privo di dubbi nella sua natura, quindi la sua immagine in questo film si sviluppa, e il ruolo sarà molto più pesante di prima. E l’emozione di un Volume Хиддлстона alla vista del protagonista Mark Ruffalo è degno del più grande e più oro di Oscar.

Talento Cate Blanchett perfettamente interpretato la cattiva, tuttavia, il personaggio, per quanto mi riguarda, aperta fino alla fine.

Molto soddisfatto hildi e ‘ in esecuzione di Tessa Thompson. Sì, non canon, ma non dalla pelle, bionda valchiria e altri «sì, sì, sì», ma qual è la differenza? L’attrice cavata brillantemente. E anche se dopo aver visto trailer sembrava che lei è ancora un personaggio della storia, il film è in armonia con i personaggi principali.

Vale la pena notare Хеймдалля Idris Elba (anche se non in armatura e non in Raduzhnii Ponte, ma è tutto così buono), Скерджа (a mio parere, un personaggio molto interessante), la cui immagine è incarnato Karl Urban, Корга, giocata dalla Вайтити e un cameo di Stephen Strange, che ancora di più ci avvicina all’unificazione degli eroi nelle seguenti parti di «the Avengers». Beh, un grande maestro, tutta eccentricità e stravagante bandiera femminile che così magistralmente narrato Jeff Goldblum, è diventato una vera scoperta nel film e senza di lui la pittura non sarebbe stato così intenso e coerente.

Gli unici svantaggi che ho trovato per te, sono deboli effetti speciali in alcune scene (ad esempio, quando Hela distrugge Mjolnir) e a volte brevi scene d’azione molto (ancora voleva, per loro era più grande), ma tutti contro di dissolvenza sullo sfondo di un grande vantaggio, che è «Thor: Ragnarok».

Risultato: il film è uscito più che degno. Io con tutto il cuore creduto in lui da quel giorno, appena annunciato, e le mie aspettative più che giustificata. Ancora un sacco di cose da dire, ma la revisione e così è uscito molto grande, quindi la mia valutazione

9,5 / 10

P. S. la Battaglia di Tora con l’esercito Хелы sotto un brano dei Led Zeppelin — Immigrant Song è qualcosa! Ancora a casa presto, correte al cinema!



Nuova recensione: Thor: Ragnarok 10.11.2017