Nuova recensione: Thor: Ragnarok 09.11.2017



Toru vedo la distruzione di Asgard — Ragnarok. Anche se il pericolo non riuscirà a scongiurare il mondo in attesa di tempi bui. Uno ha deciso di lasciare, e la sua scomparsa libererà dalla prigione di Hal, la dea della morte. Una volta Hela insieme con Odin порабощала e разграбляла mondi, ma poi Uno si calmò, rotolato sulla cattiva strada della democrazia e depennato Hal dalla storia. La dea, ottenendo la libertà, la prima cosa restituisce la sicurezza di asgard dittatura militare.

Gli sceneggiatori di un nuovo «Toro» hanno capito che con grave mina la terza parte del poema epico pro invulnerabili dio-supereroe non togliere. Il nuovo Thor dotato di mai visto prima ironia e, quindi, e astuzia. Loki ancora più cinico, ma la differenza non è così evidente. Elementi comici in questa storia ha bisogno come non mai, e la regia di Taika Вайтити, specialista in «annullato» temi cupi come fantasmi o di vampirismo, è venuto come un possibile modo.

Вайтити è stato chiamato a fare di nuovo «Toro» variazione sul tema «Guardiani della Galassia» di James Gunn, ma se «Guardiani» avete mai pensato come spazio di riflessione sulla moderna cultura pop, la «Torah» non può sfuggire da standard epico schema Marvel.

Aggiungere al modello umano fascino non è riuscito anche Вайтити. Sì, e nessuno sarebbe riuscito — tutti i film Marvel e DC sono posizionati in questo modo, e solo James Ганну con la tenacia sovrumana riuscito a liberare la «Custodia» da standard di inizio e di fine. Tutta la libertà di creatività in una nuova «Torah» è rappresentato episodi, che non è dedicato alla lotta con il male universale e famiglia smantellamento divinità nordiche.

Baluardo della libertà, il Вайтити è diventato il pianeta Сакаар, dove governa il tiranno-edonista Grand Master (Jeff Goldblum) e ci sono strane creature aliene, che organicamente sembrava fosse in un film di Gunn. L’estetica del pianeta — una miscela di brillanti mondi serie Farscape e angolari di forme di videogiochi Borderlands — sullo sfondo опостылевшего di Asgard sembra una boccata d’aria fresca. Con Сакааром associati, come è facile immaginare, le più belle, spettacolari, toccanti e divertenti momenti di un nuovo «Toro» — e mi dispiace molto che alla fine del film, la maggior parte degli spettatori si dimentica delle avventure di Gran Maestro.

«Ragnarok», il risultato è spettacolare un cenno del capo in direzione delle meraviglie, che è riuscito a fare con il supereroe film di James Gunn, e non di più. Ma non è da meno: la divina Valkyrie in esecuzione di Tessa Thompson, l’uomo-minerale e l’uomo gambero, i militanti in polinesia mascherati con chitarre elettriche invece di armi, cosa migliore potrebbe accadere in un cinema di sera di novembre?



Nuova recensione: Thor: Ragnarok 09.11.2017