Nuova recensione: Thor: Ragnarok 09.11.2017



Quindi, grazie Taika l’intero universo ha colpito in un divertente spazzatura!

Cominciamo con Thor, che ha colpito un sacco di problemi, tra cui il Ragnarok — la fine del mondo (скандинавски anche con ironia, si ricorda, ecco il jolly!). Inoltre, una bugia Loki non è riuscita, la scena dove ha organizzato l’anfiteatro, è semplicemente meraviglioso, e rompe tutti i tipi di leggi di fisica di tutto il Marvel. Amici di Thor, Portman in forno, prepara lascio pensare a voi Tessa Thompson dei Creed, medici dello stregone sì amico con il lavoro. Ah, quasi dimenticavo pro музофона Грандмастера e il suo fedele assistente di Rachel House. Ma separatamente, rilevo:

Bella, ma è una minaccia Hela cattiva, che si sbriciola tutti in Асгардские cracker. Naturalmente Cate Blanchett non ha perso appeal e fascino anche sotto il mascara nero e corna, simili a cervidi.

E Hiddleston ancora una volta tocca e gioca сердобольного fratello anche se consolidato, ma già si sente che trovano un linguaggio comune con Thor. Tuttavia, non è piaciuta la seconda parte del motivo, dove lui è morto e Thor pianse come l’ultimo bambino (il bambino, vero dio stesso, basta mettere i segni, io che grafomane? Inoltre mi sequel è piaciuto molto e questa musica, solo la parte superiore della perfezione), e Loki è eliminera. La comunicazione con Thor non è il suo forte!

Generalmente dopo il successo di ghoul e la Caccia al selvaggi e altre-altre opere del nostro Виаго — dal prossimo Thor vomitare, come quando si visualizza diciamo Troll. Ricordate ho detto l’abbondanza di melassa e arcobaleno multicolore rotola, beh, immaginate che qui agisce la stessa cosa con una tavolozza di ottima neozelandese dell’umorismo. È vero, in un unico dubbio, come in tanti progetti di produzione abbastanza tempo per i lupi o serie di dipartimento di paranormale esteri. Infatti sto aspettando non manga (per gli altri non parlo!), non è la storia di della vedova Nera (anche se succosa sarà lei a sua registiche bizzarre mani) vale a dire i suoi capolavori, anche se sarebbe uno spin-off fatto scotty..! A proposito, in Моане, è cancellato dall’elenco degli sceneggiatori, anche se è originario verso la più vicina Polinesia. D’altra parte, è che dio martelli?

Con la coda dell’occhio ho guardato l’Intervista con alcuni vampiri settimana fa. E guardando ora di Thor è possibile aumentare i meriti di Taika anni di creatività, a volte (se avesse ancora dei lupi mannari quadro fatto che non c’era), ma fresco respirare! Altamente esaltare la sua perfezione nemmeno io, ma lo studio sapeva a cosa andava incontro, mettendo il regista , A, e in modo intelligente a modo suo ha messo Dio del tuono.



Nuova recensione: Thor: Ragnarok 09.11.2017