Nuova recensione: Spalato 09.11.2017



Una sorta di one man show da indiano regista e sceneggiatore Shyamalan nel genere thriller con un pizzico di horror.

Tre studentesse, di ritorno dalla nascita, rapisce un uomo sconosciuto, proprio sotto il naso del padre di una delle ragazze. Lui li blocca in una stanza vicina, come una cantina, e riferisce che presto li in attesa di conoscere il misterioso e potente Bestia, che le ragazze ugotovlena sacra cena. La familiarità non promette nulla di rassicurante, come alcune stranezze in rapitore, chi soffre di sdoppiamento di personalità. Nella sua testa convivono ben 23 personalità, disordinato emergenti «in luce». Alcuni di loro si comportano pacificamente e molto amichevole per le ragazze, e alcuni rappresentano una vera minaccia.

Parliamo un po ‘ di termini e una misteriosa malattia. Spalato (dall’inglese. split) — la divisione, scissione, scissione. Bella e sonora parola, completamente охарактеризовывающее l’essenza del film. Диссоциатиивное disturbo di identità — un raro disturbo mentale, in cui l’identità di una persona si divide, e si ha l’impressione che nel corpo di una persona, ci sono un paio di diverse personalità. Con questo in certi momenti nell’uomo avviene il «passaggio», e una personalità sostituisce un altro. Queste «personalità» possono avere un diverso sesso, età, nazionalità, temperamento, intelligenza, visione del mondo, per rispondere in modo diverso alla stessa situazione. Questo spiega cos’è un atteggiamento diverso personalità del ladro alle vittime. Dopo la «commutazione» attiva in questo momento l’identità non può ricordare ciò che è accaduto, mentre era attiva un’altra personalità.

La trama in un film per la maggior parte davanti a noi si aprono solo quattro personalità troppo чистолюбивый e pedante Dennis, 9 anni Edvige, e fu Patricia, e anche ispirato lo stilista Barry. Come abilmente si destreggia personalità Mcavoy è semplicemente affascinante e come parte loro nell’ambito di un uomo merita un Oscar. Gli altri personaggi sullo sfondo di tale metamorfosi si perdono affatto. Si ricorda i nomi delle ragazze? Durante la visione di un paio di volte cattura a pensare che se togli tutti gli altri attori, lasciando uno stesso tempo, il film non sarà peggiore. Uno dei geniali ruolo di un attore di talento.

Un po ‘ deluso il finale della storia, da cui ti aspetti di più. Anche se una misteriosa Bestia e rivelato allo spettatore un retrogusto di incompletezza di storia o forse un accenno sul sequel di pittura. In ogni caso il film vale la pena di spendere su di esso due ore di visione, almeno per il gioco brillante di James Rime.

8 di 10



Nuova recensione: Spalato 09.11.2017