Nuova recensione: Requiem per un sogno 30.08.2016



«Requiem per un sogno», il primo film diretto da Darren Aronofsky, che ho guardato. Con i primi fotogrammi immagine come se ritira nel suo ambiente, e una volta si nota, in primo luogo, lo stile del film, vale a dire, schermo diviso, cioè l’azione del film sullo schermo è diviso in due parti, e forse più, da cui vediamo le emozioni non sono un eroe, e subito due. Sicuramente, è un innovativo ammissione del regista, che personalmente non ho mai visto prima di questo film, e uscì nella luce, vale la pena notare, nel 2000. In secondo luogo, è la musica, che ancora suscita l’interesse del pubblico.

Voglio sottolineare che il film «Requiem per un sogno» girato all’omonima prosa di Hubert Selby jr., che è uno dei più riusciti adattamenti al libro fino ad ora. Il dipinto è diviso in tre parti: estate, autunno, inverno. Sicuramente non è un caso, così come le stagioni con precisione caratterizzano il degrado degli eroi.

Estate.

Nei primi dipinti regista ci introduce i personaggi principali, vale a dire, questo Sara Голфорд — una donna sola, che vede la gioia di vivere a guardare la tele-trasmissione e sogni mai più andare dall’altra parte dello schermo. E il suo desiderio è soddisfatto, così come esattamente ha offerto di partecipare a uno show televisivo. Suo figlio Harry — un giovane che fa uso di droghe, e non c’è da stupirsi, così come il suo migliore amico Tyrone e la fidanzata Marion anche dipendenti da questo effetti nocivi di lezione, da cui lanciare diventa ancora più difficile. Vale la pena notare come le persone, sono buoni e ai miei sogni. Ad esempio, Harry sogna di smettere con la droga e di aprire un atelier per la sua amata e vivere con lei per sempre felici e contenti. Marion — giovane, bella e talentuosa ragazza, che crede di Harry incondizionatamente. Se si parla di Тайроне, poi, a mio parere, questo è il tipo di persona che va alla deriva, ma che non mi dispiacerebbe guadagnare soldi facili. Ed è lui che offre Harry di fare business illegale, se così si può dire, che è in grado di cambiare la loro vita per sempre, in meglio. Credo che, da questo momento inizia lo sviluppo di azioni.

Autunno.

Voglio solo ricordare che l’autunno è la stagione tra estate e inverno, cioè una stagione transitoria, in proposito, è già possibile trarre delle conclusioni, che per i nostri eroi, un punto di svolta. Sarah Голфорд e non sono arrivata a questo punto, sul corpo-show, tuttavia, il suo desiderio di perdere peso senza pillole, naturalmente, non si poteva, e look perfetto per la televisione progressivamente nella psicosi maniaco — depressiva. La situazione si aggravi e Harry, Tyrone e Marion, perché tutti i soldi guadagnati durante l’estate vanno per la soluzione di problemi di Tyrone, che è stato catturato dopo un altro incontro con i fornitori. Dopo tale occasione procurarsi la droga diventa molto difficile — perché ora per le strade non ci sono più. E quando è in programma un grande vendita di sostanze vietate — l’unico problema è modo di trovare i soldi per loro, quindi Marion va su un atto disperato, che dovrebbe entrare in possesso di denaro. E i sogni dei protagonisti, a mio parere, in questo momento come vengono rimossi tutti avanti e avanti, lasciando dietro di sé solo il dolce sapore di speranze deluse.

Inverno.

Più freddo e duro periodo di un anno. Qui la pittura raggiunge il suo culmine, così come dai nostri eroi già niente di buono è rimasto. Ognuno pensa a come soddisfare la sua dipendenza, e non realizzare originaria sogno in realtà. Sentimenti di disgusto e pietà si fondono insieme. Finali scene scioccanti, musica di Clint Мансела ancora di più aumenta l’effetto di ciò che sta accadendo. Girato geniale, Дарену Aronofsky bravo per un capolavoro del cinema! Il film si è rivelato molto forte emotivamente. Accade l’incredibile laurea, quando le prime due parti sono ancora solo gradualmente si è evoluta, in scene finali vediamo che ciò che sta accadendo sullo schermo ha raggiunto il suo apice. A mio parere, il modello «Requiem per un sogno» mai e non lascerà nessuno indifferente.

Se parliamo di recitazione, Ellen Берстин (Sarah Голфорд), Jared leto (Harry), Marlon Уайнс (Tyrone) e Джэннифер Connelly (Marion) hanno giocato benissimo, guardando lo schermo, ho visto davvero i loro personaggi, non c’è assolutamente alcuna ipocrisia, come se di fronte a noi è davvero un vero momento di vita. E ‘ un peccato che Ellen Берстин non ha ricevuto l’Oscar per questo ruolo, perché ha fatto un ottimo lavoro e ha mostrato il vero autentico talento di attrice.

In conclusione, voglio ricordare l’ultimo dialogo tra Sarah e Harry, che, a mio parere, è il più toccante del film:

-Io ti amo, Harry.
-Io e te, ma.

Sogni diversi… E i modi del loro esercizio, anche. Si scopre che, scegliendo la strada sbagliata, si può dire addio al sogno, anche non avvicinandosi a lei.

10 di 10



Nuova recensione: Requiem per un sogno 30.08.2016