Nuova recensione: Matilda 05.11.2017



Ecco sono arrivata fino acclamato film russo oggi.

Non mi piace parlare in indirizzo di opere creative drasticamente, così come sto cercando di credere in qualcosa, che non è così, molti di loro vengono effettuate secondo il principio del «bum bang». Sì e Danila Kozlovsky, ad esempio, nel suo Instagram ha confermato la mia opinione su «Matilde»: «Enorme quantità di lavoro e il lavoro di migliaia di persone». Sono d’accordo, durante la navigazione in alcuni momenti ho cominciato a pensare a quello che sta per prendere almeno folla: bisogna scegliere le persone, sì a ogni costume; informare sulle riprese, per spiegare le attività di nutrire il cibo, ecc, ecc E questa è la cosa più semplice, naturalmente.

Ma qui ci sono due problemi. La prima — in ogni lavoro le loro difficoltà. La seconda perché durante la visione di un quadro che ho pensato sfortunati dipendenti, organizzano il corpo di ballo, e non сопереживала eroi?

Qui, naturalmente, sono consapevole che questo è il mio problema — l’incapacità di rilassarsi e godere di una trama. E sicuramente ci saranno quelli che diranno: «Taci, infine, in uno straccio, nessuno ti ha costretto a correre al cinema». È assolutamente così. Ma quando vedo sullo schermo la seducente scritta «FC», una volta sento la loro importanza — io e altri milioni di persone ha contribuito alla creazione di questo film!:) Non si può non vedere che ci siamo riusciti. E, naturalmente, voglia di discutere.

Se brevemente e scartando tutto uno scherzo, e non prendendo in considerazione leggere le recensioni, per me «Matilde» — non è il più brutto film del nostro cinema. Girato non è male, il cast decente, abiti eleganti, la corte del re adorabile. Si sente il lavoro, si sente il duro lavoro.

Ma ti dico una cosa. Come e voglia di innamorarsi di questi fluttuano nell’aria scarpe da punta, triste e притесненную da tutti i lati Matilda, di Nicola, che non solo è rifatto per il tempo assegnato autori, e in generale… mi piace. Perché il film come se fosse impregnato di questo: «Innamorarsi, spettatore, dai! Ti abbiamo e le lacrime hanno tolto, e letto abbastanza, ma non troppo, e la bellezza di st. petersburg ha mostrato, e lontano dall’ideale di un dietro le quinte del balletto russo (di nuovo?), e Даню Kozlowski inserito (non sono portato per la verità, alla mente l’idea di come il suo personaggio dovrebbe influenzare la trama), e anche il discorso di personaggi quasi come allora, prima! Beh dai, lo spettatore, puoi, è ora di scegliere!»

Come nuovo, ragazzi. Il film non manca di profondità. Che devo sopportare? Tutta la strada dal cinema a casa ho pensato: forse l’idea è che il peccato genera il male. O no? E parlando di questo film? Con quali sentimenti mi è uscito? Qualcuno che mi dispiace e dispiace vero? Matilda peccato, perché le gambe di sedie ha battuto per 8 фуэте. Nicola — per quello che è in grado, senza memoria innamorarsi, vedendo il seno di una donna. Particolarmente dispiaciuto per il ragazzo che è caduto all’indietro con la parte superiore gradini di una scala, la pista su di lui è sceso donna nei suoi тяжеленных abiti, e lui subito si precipitò il suo abbraccio. Penso sulla sua schiena.

I personaggi sono — grazie per questo. Solo mi spieghi perche loro non fanno male quando cadono dal gradino più alto sgabello, sì sulla schiena, sì, l’uomo che vola verso di loro? Perché la madre perde la sua durezza in indirizzo figlio senza alcun motivo? Perché Nicola sbottona la camicia di Matilda con le parole «Io ti rispetto»?.. a quanto pare, barzelletta! Perché Nicola prima che gioisce amaro parole della madre del proprio matrimonio, che, dimenticando le lacrime, pesante, opprimente pro capite scelta tra debito e una donna, si precipita… mostrare il suo film presentato?.. E poi di nuovo per qualche motivo si arrabbia. In questi momenti ho semplicemente si sedette e disse: «Smettila di criticare! Prova a sentire la trama e tutti di vivere!»

No, davvero, mi spieghi, forse sono loro confraternita studentesca sguardo qualcosa che non ho capito? Ma infatti… è come per la gente comune, e contati? («Innamorarsi, lo spettatore!»)

Etudes — presi separatamente scena — nella foto interessanti. L’integrità me non è visibile. Pro logica dialoghi non dire nulla, così come qui ho sentimenti molto violenti.

E ancora di sentimenti. Non posso ignorare il tema principale: il film tocca i sentimenti dei credenti. Io sono credente, i miei non si tocca. Ma posso supporre, perché è in grado di farlo. Nicola II e la sua famiglia canonizzato dalla chiesa ortodossa Russa. E io, tra l’altro, con grande rispetto sempre apparteneva alla famiglia reale, che per me resta ancora oggi un esempio. Ma non si tratta solo del fatto che l’imperatore «mostrato peccatore» nel film, come e Alexandra Feodorovna (questa per me è stata una sorpresa). Siamo tutti peccatori — sono stati e ci sono. Ma il fatto è che né Nicola, né di Alessandro non hanno superato i loro vizi al finale del film — non hanno capito il tuo peccato, perché poi io o i miei figli devono imparare da questo quadro?

Ecco e non ho visto il cambiamento di eroi — e questo è già tocca i miei sentimenti come spettatore.

Io sono contro, per esporre questo film feroce critica e distruggere il cinema non è solo делинквентно, ma e ‘ quello che di sicuro non vale la pena, e qualcuno e non è affatto piaciuto. Io sono per quello, per i nostri amministratori hanno trattato a ciascuna delle sue opere come l’unica in vita creativa del prodotto. Per ogni film è stato non solo il meglio del precedente, e milioni di volte più profondo. Per noi, la creazione di cinema, hanno smesso di contare sul «più semplice spettatore», e pensato a come noi in senso letterale — di creare questo film, che come Gaidai, Rjazanov, Alessandro. Fino alle lacrime peccato capire che possiamo, ma per qualche motivo non lo facciamo. È vero, fino alle lacrime.

Grazie per averci provato. Sinceramente.

5 di 10.



Nuova recensione: Matilda 05.11.2017