Nuova recensione: Luminosità 27.12.2017



E ‘ buffo, ma la «Luminosità» di David Eira manca è la luminosità troppo uniformemente va narrazione, troppo monotono nel suo флегматичном costruzione di episodi di regia, troppo banale servito di per sé abbastanza insolita situazione nel mondo. Come base qui è scattata l’idea di un universo alternativo, uno sguardo alla giornata di oggi con un notevole tocco di fantasy componente. Le persone nella posizione di forze locali per la dominazione del mondo non sono l’unica o la principale posizione, perché ci sono altre razze, orchi, elfi, per via aerea sezionare vili fate, da qualche parte dietro le quinte chiaramente andavo nani, e sul sunset panorama della città è possibile distinguere impennata del drago. Tuttavia, c’è anche un latitante, incontri con locale mitologia o con gli ambiti di provenienza coesistenza di un paio di personaggi principali non sarà. Lo spettatore una volta messo in già in anticipo forma di un microcosmo, l’intero contesto di ragnatele di relazioni all’interno del quale sarà emergere esclusivamente attraverso мимопроходящие dialoghi, mentre una strana polizia combo da afroamericano e orco si muoverà lentamente verso la fine della sua più dura giornata di servizio delle forze dell’ordine, per la strada, non dimenticare di passare estremo di formazione per fantasy di tolleranza.

Naturalmente, per qualcosa di scena angeles attraverso il famigerato intercettazioni spettatore dialoghi sufficiente — ad esempio, per capire che l’orco in polizia dalla polizia come un pugno nell’occhio, ma naturalmente le decisioni vengono prese a n livelli di cui sopra, e la politica va sempre avanti le tradizioni. Stesso Air, inoltre, chiaramente si sente in un argomento simile come un pesce nell’acqua, tenendo con una catena il tuo agente di polizia azione cerebrale, tuttavia, le forze che aveva, a quanto pare, manca solo quello di creare le necessarie sulla tensione di lacci. Bloody smontaggio tra i colleghi per il diritto al possesso trovato sulla scena del crimine bacchetta magica è semplice e senza pietà, e davanti a una lunga notte — non solo per пускающейся in corsa coppia di protagonisti, ma anche per lo spettatore, senza successo, in attesa anche di qualche somiglianza esplosiva storia di combinazione. Ma non dobbiamo illuderci — drago e rimarrà una macchia all’orizzonte, e una bacchetta magica praticamente tutto il tempo rimarrà come elemento passivo, макгаффина, che ha bisogno di tutti, ma grandi cose che nessuno farà.

Air per la maggior parte dimostra solo slave persona — non facenti fronte con concentrato di dettagli] nella trama di Max Landis, il regista si sforza di mostrare tutto e subito, ma anche cercando di concentrarsi su qualcosa in particolare. Ha per abitudine rimuove sporco poliziotto, un film in cui un collega invece della spalla amichevole in qualsiasi momento può sostituire la canna di una pistola, non è assolutamente preoccupato a dire il principale magico — componente della storia, e in qualsiasi momento difficile semplicemente alzando le mani con le parole « — era la profezia». Gli manca l’abilità di trasformare ingombrante la trama, ben descrive la storia su carta, in intelligibile osd detto, ma perché il film abbassamenti con ogni nuovo pezzo, lasciando la speranza suggestiva architettura montana, quali il punto, che non accadrà. Il principale antagonista di fronte Numi noomi rapace nel corso di tutta l’azione più simile a portata di mano del servo di centrale cattivo, e nel finale è lo stesso, e rimarrà, ma perché interscambio risulta completamente invisibile sullo sfondo di tutto il film in generale, e i titoli di coda arrivano improvvisamente e inesorabilmente. Sì, Eira successo luoghi fare i fighi, ma piuttosto dal fatto che così prevedeva il copione, e del resto «Luminosità» tira solo sulla persistente проморолик in prospettiva abbastanza interessante nel mondo, per una datazione con il quale una notte si scopre poco.



Nuova recensione: Luminosità 27.12.2017