Nuova recensione: lo Hobbit: la Battaglia dei cinque eserciti 02.11.2017



E ‘ così accaduto che togliendo il capolavoro «il Signore degli anelli», Peter Jackson è diventato ostaggio della sua creazione, e perciò la trilogia di «lo hobbit» semplicemente non poteva fare a meno del confronto con «батькой». Anche se non in termini di trama (qui la perdita è evidente), ma almeno in termini di spettacolo e teatrali, poiché a disposizione del regista ha avuto un impressionante bilancio, ускакавшие in avanti la tecnologia e l’esperienza degli anni passati. I primi due film sono stati molto duro cucite, ma per l’immagine formata insieme e ha permesso allo spettatore di apprezzare il tuo lavoro, è stata importante la memorabile finale, ed è per questo tutto più gustoso Jackson ha deciso di spingere in «la Battaglia dei cinque eserciti». E poi, giusto per ricordare la trilogia dell’anello del potere, dove il film è anche andato in aumento, sempre più ampi e battaglie epiche. Non sorprende che la parte finale del afferrato ben 11 premi Oscar. In generale, la «Battaglia dei cinque eserciti» è stato per navigare.

All’ultimo combattimento Jackson preparato bene: il gioco è ancora rimasto drago, gli orchi hanno raccolto un enorme esercito e marciò verso la montagna Solitaria, e gli elfi e i nani erano disposti a tagliare la gola per il tesoro di Erebor. Lo spettatore, togliti la panna? Ahimè, no. Creando un potente trampolino, maestro Jackson come qualcosa di completamente dimenticato, che la sua precedente creazione così amato pubblico. Dopo tutto, anche modesto in termini di lotte e battaglie «compagnia dell’anello» è stato una spanna sopra la terza parte di «lo Hobbit». E tutto perché «il Signore degli anelli» è stato interessante, in primo luogo elegante prescritti e dagli personaggi, per cui era impossibile non preoccuparsi. E come magistralmente iniettato l’atmosfera! I viaggiatori arrivano in barca lungo il fiume, la foresta sembra tranquillo e calmo, ma solo istinto elfo conserva l’atmosfera di ansia e di paura — il nemico è vicino. Terribile nemico che non conosce pietà. Scavare più a fondo e ricordiamo una battaglia del fosso di helm. Con quale cura Jackson sono avvicinato a questa battaglia, come sapientemente ha scioccato spettatore migliaia di esercito di Saruman, e come debolmente credere a ciò che le persone saranno in grado di sopravvivere a quella notte. Nulla di simile in «la Battaglia dei cinque eserciti», e non chiudere, anche se le legioni Азога e Fiumi per numero superava l’esercito di uruk-hai un mago bianco-traditore. No, stessi battaglia guardare grande. Poi si e violento scontro con nani elfi, e l’assalto della città di orchi e troll, e duelli colorati capofila. Per la tecnica di decorazione si può mettere una top five, ma, quando questo non è possibile non notare che alcune scene un aspetto secondario. Il nemico sfonda la difesa e inondare la fortezza, la gente in preda al panico scappano. Da qualche parte dietro le mura di trombe орочий corno, che proclama di ritardo rinforzo. Tutto questo l’abbiamo già visto, e visto aquile, che sono in aiuto del genere umano e che hanno deciso l’esito della battaglia. A differenza di «la Battaglia dei cinque eserciti» dal suo predecessore è stata tracciata solo in assenza di primi piani, in cui Jackson chiaramente dimostrato differenze esterne tra gli orchi. E come ora mancava questi страшенных segale, e poi appare in una scena e abilmente supportano l’atmosfera universale di terrore e caos! Gli orchi «Battaglia dei cinque eserciti» fatti un progetto e propagate, e inoltre quasi non si sporgono da sotto i loro armature.

Tuttavia, secondo un criterio di «Battaglia dei cinque eserciti» sono ancora riuscito a bypassare «il Signore degli anelli». Ha dato a tutti da accendere in termini di panoramiche di battaglie e eroico di paphos, «il Signore degli anelli» praticamente non conteneva in sé singole battaglie. Soprattutto perché gli orchi non erano degni di capi, perfettamente spada tratta. Qui, video raccolto ben due. Ed ecco allora Jackson infierisca, столкнув nella battaglia finale contro Thorin e Азога, e per dessert aggiungendo ярчайшую lotta Fiumi e Legolas. Legolas qui, per il grande piacere lo spettatore, non si stanca di scrivere mozzafiato capriole e di eseguire vari trucchi. Elephanta, è vero, questa volta, di mettere fuori uso non è riuscito, tuttavia, fare un giro sul pipistrello e la sella del gigante, che lo guida come un burattino è anche valsa la pena.

Se con la stessa professionalità Jackson ha reagito e per la lucidatura di script, il film è chiaramente poteva pretendere qualcosa di più di un semplice buon fantasy. Tuttavia attaccarsi qui. Scene drammatiche di tutte le forze che cercano di sfondare da spettatore lacrima, ma danno l’ipocrisia. Gia ‘ e ‘ difficile da ammorbidire lo spettatore morte secondarie male comunicati personaggi che muoiono nelle migliori tradizioni di orrore. Amore linea è stata inconcludente. Nano fin dall’inizio sembrava un estraneo, che non ha voluto fare il tifo, e credere improvvisamente risvegliate sentimenti эльфийки Tauriel è stato più difficile che portare l’anello a Mordor.

Ma finire tutti vogliamo in maniera positiva. E se non ha funzionato con il dramma e romanticismo, похвалим regista almeno per molti riferimenti al «Signore degli anelli». Jackson non ha dimenticato, che allevia sorta di ponte, che alla fine invierà lo spettatore in una nuova avventura. E ‘ molto utile si è verificato l’emergere di Sauron e la battaglia con lui, la menzione di Aragorn e, soprattutto, familiari a dolore composizioni musicali: il tema dell’anello, il tema del re, ecc

«La battaglia dei cinque eserciti» degnamente completato la trilogia del viaggio di Bilbo, per così dire, non rovinare il «pedigree». Ma saltare sopra la testa questa volta Jackson non è riuscito. O meglio non ha voluto. Se «il Signore degli anelli» è stato possibile confrontare con il frutto di duro allenamento un calciatore di talento, è riuscito alla fine a vincere tutto e tutti, alla «Battaglia dei cinque eserciti» è applicabile il termine «sindrome del secondo anno», dove tutti lo stesso un calciatore di talento, improvvisamente pigro e cerca di lasciare esclusivamente il frutto del passato. Come risultato, il film si è rivelato spettacolare, spettacolare, ma il vuoto in termini di contenuti. Si può dare un vantaggio a molti compagni di lavoro in base al genere, ma la reale grandezza troverà mai.

8 di 10



Nuova recensione: lo Hobbit: la Battaglia dei cinque eserciti 02.11.2017