Nuova recensione: l’esorcista 13.12.2017



Lo scorso autunno, dopo il bel Law nel ruolo del Papa è stata la volta di esorcisti a conquistare i cuori.

Ho scritto allora:

«La serie tv „l’esorcista“ è omonimo libro ed è anche distribuito l’analogia del film „The Exorcist“ del 1973, che è considerato non solo di culto, ma anche uno dei peggiori film di genere fino ad ora.

La prima cosa che apprezzo in drama — campo visivo, di alta qualità fotografia di lavoro. Senza questo, sempre una volta -40-50% valutazione. Infatti, immagine spettacolare, ben pensato, con la giusta luce e il colore, affascina e fa credere a ciò che vedono. Ecco qui: fosche tinte, la formulazione corretta del telaio e la posizione di cose e persone nello spazio, spettacolari sorpresa, tutto come dovrebbe.

Avanti: non sempre atteso e a volte molto allegro colonna sonora si inserisce nella corrente parte della narrazione, che è molto bello. Di per sé la storia e così interessante: che cosa può essere più emozionante di lotta dei giusti con i demoni, выползающими nella terra promessa?

Ma più importante di tutto il cast e, in particolare, Ben Daniels, il ruolo del padre di Marcus (più di Alfonso Herrera): semplicemente perfetto abbinato, e incarna divertente, tagliente e cinico il sacerdote-scettico (quasi eretico), per la luminosità e la profondità non inferiore сверхпопулярным personaggi Lori («Dottor House»), Hopkins («Selvaggio West»), etc.

Sì, e non aspettare di prevedibilità, perché non è la storia di una bambina…»

***

In realtà, ora, godendo di una continuazione della serie, mi sembra, ho detto su di lui troppo poco.

Perché questa serie è davvero diventato un favorito, перегнав migliori stagioni di «American horror story» e gli thriller sul tema dell’esorcismo. Si è incarnata in многосерийном formato (10 pezzi a stagione) è incredibilmente bene, e altri киносюжетов su questo argomento rimane un minimo di possibilità di conformità.

E no, non c’effetti speciali, che fanno dubitare della fattibilità di ciò che sta accadendo: se i demoni sono — e sono esattamente così e portano, in modo da guardare, così dicono… Utilizzando ‘ si sente человечишку.

Il padre di Marcus e il suo allievo Thomas — un bel tandem di саркастичного invecchiamento вредины e ingenuo горделивого latino. A volte sembra addirittura che, come mio fratello-супернатуралы (vedere Supernatural), vanno «a chiamata», come solo noi comuni mortali persone appaiono in dubbio l’umanità dei loro membri della famiglia.

E non è nemmeno sempre l’ossessione e il più interessante: più si può imparare da ciò che ha visto, perché ogni serie ha la sua morale, e non peccano monotonia di scena schemi. Ciò che sta accadendo, francamente, assorbe incredibilmente: aspettare fino a quando uscirà la nuova serie, difficile. Ma l’attesa vale la pena. Se in un primo momento ho pensato: «Oh, figo venga ben fatto»,- e il dubbio che la seconda stagione di «entrare», ma ora mi rendo conto che non si tratta di quello che è stata la base per il lancio di «l’Esorcista», e che qualcuno di talento preso qualche tipo di argomenti seri.

Tra l’altro, hanno creato una serie tv già a noi note per i progetti di altri personaggi: Jason Ensler («il Servizio di notizie»), Michael Nanjing («le vele Nere»), Bill Johnson («Salem»), Luis Show Milito («Gotham», «Lucifero»), Craig Зиск («siamo noi», «Parchi e aree ricreative»), Steve Эделсон («Area delle tenebre») e altri.

Tutte le cose buone devono finire entro il tempo previsto, ma non mi dispiacerebbe vedere un altro paio di stagioni «Изгоняющего». Anche se poi — certi — pur mantenendo la qualità di una serie tv non ci si annoia.

9 di 10



Nuova recensione: l’esorcista 13.12.2017