Nuova recensione: l’Amore 24.12.2017



Nella categoria: film avversione con il più grande nome. Ti basta stufo di vedere questo film da qualche parte насередине. Non hanno guardato. Spento. E ‘ noioso il paradosso di fringe. Di solito noi è sufficiente per tutti i tipi di abominazioni fino alla fine per non indicato. E quando ancora è noiosa e abominio, con tutti cancellati facce di morale, semplicemente non ha voglia di «mangiare». In nessun caso «salsa», anche con franco porno scene erotiche con luce soffusa. Anche se la metà maschile dell’umanità sarebbe piaciuto. Camminando per i fatti cominciamo con quello che Gaspar Noé stesso al festival di Cannes festival dice che l’intero script è stato scritto su 7 pagine. Quante parole, quante e significato. Se in questo andare bene qualcosa di profondo e leggero? Ancora una volta ricordando il film di Gaspar 2002. con Monica Беллучи — «Irreversibilità», con la scena di stupro, e «l’Ingresso nel vuoto» del 2009. con il fratello tossicodipendente e sorella-spogliarellista, che ci si può aspettare dal film «l’Amore», anche se con leggero il nome, ma il comune non è chiaro il significato.

«Erotica», una parola può descrivere il significato, che consiste in due ore di film. Non so che tipo di impronta più messo se stessa mentalità — Francia o in Belgio, anche se tutte le scene sono state girate a Parigi. «Molti pensavano che il film pornografico, ma scene erotiche occupano di soli dodici minuti. Il film va 2 ore e 15 minuti». Anche in questo caso, tornando al nostro pecore ci poniamo domande: così se nel nostro tempo, è apparso degradante, che gli attori possono calmo e rilassato comportarsi in una cornice, in questo caso, l’azione sarà considerata arte, forse артхаусом, e tollerato in grande massa? Ciò che è interessante di questo film si può guardare proprio con la proiezione di un collage fotografico: fermare il fotogramma, e ottenere una buona fotografia. Può proprio guardare, disattivando il suono e poi sarà avere un qualche senso?

Torniamo alla storia dei personaggi principali Murphy (Carl Глусман), che in sintonia con la legge di Murphy «Se qualcosa di brutto sta per succedere — è necessariamente accadere»; Electra (Аоми Муйок), la sindrome di Elettra, conosciuta come la malattia associata con doloroso affetto verso il padre o la rivalità con la madre; Omi (Clara Kristen) — la terza ragazza in questo gioco. Sesso a tre e quello che emerge da questo, occupa la maggior parte del tempo nella narrazione. Pro gli ultimi due non si riconosce in alcune fonti, perché il regista ha invitato loro inizialmente in ruoli secondari alla festa.

«Vivere con una donna è come trovarsi in un letto con la CIA. Non ci sono segreti».

Problema numero uno: il monologo interiore di uomini, che non посчастливаилось troppo presto diventare padre. Problema numero due: l’amore è un veleno, o quando tu mi spezzi il cuore di una ragazza amata, con le sue azioni. E qui muco e lacrime, reciproci insulti e altre душераздерающие scena.

«Sai: prenditi cura del tuo passato, e io mi prenderò cura del tuo futuro». Problema numero tre: la droga, come conseguenza l’impossibilità di sopportare il dolore e il tradimento. «Mi fai vedere come dolce puoi essere?», — questi sono i veri desideri dell’artista e di questo incomprensibile di un tossicodipendente. Anche se gli stessi sono colpevoli di quello che è venuto, quando andavano di piccantezza lama, controllando i loro sentimenti. In questo caso è abbastanza buona musica va sfondo, direi: soporifere.

«È strano — amore. Come può qualcosa di meraviglioso, di portare questo tipo di dolore? Forse è meglio non amare mai».

Murphy molto cercando di filosofare sul tema del cinema, perché sogna di diventare regista. Forse il suo pensiero, che vuole riflettere la vera natura dell’amore durante il sesso, come un «filo» che collega con il pensiero di Gaspar Noé. Se ancora avete la pazienza di guardare questo film, ci si immerge in un vortice di malinconia. Eroi dicono che in fase di stallo, hanno smesso di fare i loro affari e prendere troppi farmaci, così, come se fosse assente, qualcosa del genere, come il fatto che piove.

4 di 10



Nuova recensione: l’Amore 24.12.2017