Nuova recensione: la Notte del sanguinario mostro 15.11.2017



Il nome di Jesus Franco (1930 — 2013), uno dei più prolifici produttori di tutta la storia del cinema, nei titoli di coda di questo film sicuramente configura qualcuno errate onda. Dopo tutto, il regista noto per i suoi successivi film erotici di alto livello, e nei primi anni ha spesso sfruttato temi sessuali, di dover lavorare in molti generi, dal mondo a woman in prison. La sua capacità di scattare in pochi giorni poteva competere solo con la spinta alla provocazione. Il sesso per Franco è stato uno strumento con cui stava rovinando la penosa la morale della società contemporanea.

«Il trono di fuoco», film storico Franco, fa parte a numerosi numero di bilancio produzioni intraprendente latino-americano (uno dei produttori era un esperto canadese Harry Alan Towers, il marito di Maria Rum, uno dei permanenti attrici Franco), perché il famoso stile procedura guidata di prestazione di cinema qui colpevolmente poco. Erotici performance sono ridotti al minuto scene, e nudo il corpo femminile durante la maggior parte della procedura coperto da vestiti. Le scene di tortura e non quasi аскетичны, quindi, interessato allo spettatore di non aspettarsi alcun rivelazioni. Per questo probabilmente bisogno di andare per la famosa «Stampa del diavolo», uscito nello stesso anno, o al più recente «Cinese camera di tortura».

Sapendo стахановские il ritmo di lavoro di Franco, si può anche supporre che il «trono di Fuoco» e concepito come una sorta di sequel di «Stampa del diavolo», l’emergere di cui, sicuramente, ha contribuito al classico film Otakar Vávra «Martello delle streghe». L’azione del film di Jesus Franco collegato con, tuttavia, non grigia antichità, dove è particolarmente infuriato inquisizione, e già in più illuminato del XVII secolo. Umore rivoluzionario del popolo, risentito dal consiglio di Giacomo II, conservatore del monarca cattolico, e anche la lotta per il potere diversi clan non si preoccupano troppo del regista. Per lui è il solo ambiente in cui si svolge l’azione melodramma storico sull’amore rivoluzionario Harry alla sorella казненной «le streghe» di Mary (come una volta e gioca Maria Rum), e terribile boia il giudice Jeffreys, soprannominato вешателем, risulta quindi necessario qualsiasi melodramma cattivo.

Il suo ruolo aderisce trovato l’attore inglese Christopher Lee (1922 — 2015), un sacco di che ha recitato il Franco in quegli anni. Approfittando avaro di recitazione tavolozza, sir Christopher sottolinea le qualità di giudice, come la devozione al re Giacomo II, la fede sincera nella stregoneria, da cui bisogna assolutamente proteggere i sudditi inglesi, e la convinzione nei giusti metodi di indagine. Forse un riferimento a questo film è interessante cameo di Christopher Lee in «Sleepy hollow» di Tim Burton.

Jesús Franco in gran parte prende in prestito i principi di costruzione di hollywood melodramma storico, dove la storia, spesso di natura romantica, collocata in un contesto storico. Come un sentimento sincero di due amanti sono chiamati a compensare la crudeltà dell’epoca e aiutare a conciliare lo spettatore con e senza gioia modernità. Ma assolutamente несвойственен Hollywood esistenziale colore personalità del giudice. Solo una volta in prigione, per la prima volta ha riflettuto sul suo destino. Davvero, che lo ha piantato, perché ha semplicemente fatto il suo lavoro! Sappiamo che è così giustificato e ordinari i nazisti il suo coinvolgimento in crimini del Terzo reich.

Il giudice di Jefferies io non ho visto come sono eseguiti i suoi verdetti. Per lui la morte era solo una parola, e lui, senza esitazione, con un tratto di penna, mandava la gente a morte. E solo quando ha colpito la loro situazione, condannato a morte il nuovo re e, in attesa di lei nella Torre, il giudice ha reinterpretato la propria vita. Ha capito che il condannato non ha visto la gente, e lui era l’incarnazione repressiva della macchina statale, che basa le sue frasi sul confessioni fatte sotto tortura.

Proprio l’immagine di un giudice Jeffreys, il volto storico, presentato il regista non con un romantico velo di shakespeare cattiveria, ma piuttosto nella tradizione della filosofia dell’esistenza, è se stesso раскрывшей nelle opere di grandi maestri del cinema europeo, evidenzia nettamente il film di Jesus Franco da una successione di moda a quel tempo dell’inquisizione film. Spagnolo il direttore della fotografia era racchiuso in продюсерские morsa del mainstream, ma questo paradossalmente è andato al film solo per favore. Franco ha rifiutato la loro spesso fastidiosi erotici di performance e алогичного trama a favore messaggero storia e più dettagliate le immagini dei personaggi. E il regista non погрешил contro la verità storica, adeguatamente presentando le ragioni che hanno portato alla cosiddetta Gloriosa rivoluzione. Il giudice Jeffreys, l’ex più terribile l’incarnazione del vecchio ordine mondiale, almeno al tramonto dei suoi giorni ha potuto rendersi conto che e ‘ solo una pedina nelle mani del supremo giudice. Rock lo raggiunse all’improvviso e senza pietà, e solo il pentimento tardivo in grado di strappare dalle grinfie del diabolico sua anima immortale.

Interessante, tra l’altro, che il conte Dracula di uscito nello stesso anno l’adattamento cinematografico di Franco e giocata lo stesso Christopher Lee, per molti versi ricorda il giudice Jeffreys. Sono entrambi frutto il tempo che passa, che non trovare se stessi nelle mutate circostanze. Il loro destino — non solo la punizione per i peccati, ma e naturale cambio dei secoli. D’ora in poi e aristocratici saranno altri, e i giudici, e le immagini stesse di questi, una volta onnipotenti persone con il passare del tempo si trasformano in leggende, dove già non separare la verità del mito, che è particolarmente chiaramente a un esempio di Vlad Tepes.

7 di 10



Nuova recensione: la Notte del sanguinario mostro 15.11.2017