Nuova recensione: la lettera Scarlatta 27.08.2016



«La lettera scarlatta» per la regia di Roland Жоффе ha ricevuto sette nomination del premio «razzie», ma i membri della giuria hanno deciso di risparmiare un altro film di questo pezzo classico della letteratura americana e assegnato uno speciale premio per il peggior remake. E il premio, a mio soggettivo pubblico uno sguardo, una meritata. Dall’originale del romanzo di Nathaniel Hawthorne, il regista e sceneggiatore ha deciso di lasciare solo il nome. Resta solo da chiedere al fatto che lo spettatore non hanno dato la possibilità di vedere sul colorata locandina del film avvertimento: «la Trama e i personaggi sono i prodotti della creatività dell’autore e sceneggiatore. Qualsiasi coincidenza con il romanzo Signor. Hawthorne «la lettera Scarlatta» è casuale».

Brevemente questo geniale Жоффе può essere descritto a parole «tesoro di cattivo gusto». Diventa molto deludente per il compositore John Barry, operatore di Alex Thomson e pittore di scenografie Rosalind Шинглтон, con certezza storica воссоздавшей entourage epoca dei primi coloni americani. E ‘ un peccato quando togli l’anima di una colonna sonora e una fotografia di lavoro scatena francamente brutta sceneggiatura e mediocre gioco di Demi Moore, con orgoglio пронесшую una espressione del viso attraverso tutte le due ore di tempo sullo schermo. Tabellone per le affissioni del film sembra copertina a buon mercato femminile del romanzo rilegato in brossura: closeup, mostrando i personaggi chiave — eroi-amanti, brucianti nella foga violenta passione. Ma appena percettibile silhouette Гестер Prin sullo sfondo del tramonto serve «visivo citazione» finale adattamento cinematografico del romanzo «Via col vento», che rende audace richiesta per la vicinanza al gruppo età d’oro della fondazione cinema americano. Coraggioso, ma è molto impetuoso.

Triste che questo tabellone per le affissioni serve manifesto più di un adattamento cinematografico. «Andiamo leggermente saliremo accenti, — ha suggerito il regista. — Da parte di amore verso selvatici di danza di passione e di rosa sopelek. Da parte di sofferenza spirituale — in direzione politiche delle autorità locali e ругачек bianchi con gli indiani. Questo ti aiuterà ad attirare a noi più target di riferimento». Non ha aiutato. I calcoli non si sono concretizzate, e il botteghino erano cinque volte meno del budget del film.

Se la diluizione script приторными амурными dialoghi per il divertimento lo spettatore può essere ancora con difficoltà giustificato, l’incapacità degli adulti di persone istruite pensieroso leggere il libro di riprovevole. Capito se Roland Жоффе, che racconta l’autore? Di sfrenata passione, non trova soddisfazione? I conflitti tra le popolazioni indigene dell’America e gli abitanti delle colonie? Di litigi nella tana cattive puritani, gelosamente difendono le leggi di Dio, ma di essere umani? Non proprio. Questo libro parla di всепоглощающем senso di colpa e la purificazione dell’anima attraverso il pentimento. Probabilmente, Жоффе dimenticato che il disprezzo per Гестер Prin così uniti voti unanimi nel loro punti di vista religiosi puritani, per quanto non li ha radunato sarebbe la necessità di combattere con gli aborigeni e i pacchi di bruciare le streghe.

Una singola parola meriti registica di interpretazione dell’immagine del reverendo Arthur. Più forte e anche il più grande difetto di quest’uomo, la sensibilità e la dolcezza di carattere, ricambiato rigidità puritana della società. Questa morbidezza è servito di lui un cattivo servizio, per lungo tempo, privando di Arthur Димсдейла forza di volontà e di stimolo al pubblico pentimento per il peccato di adulterio. Ma la sensibilità alle questioni di morale ma ha portato a una catarsi, assente nelle scene finali del film. E qui non gioca un grande ruolo, davanti a chi deve confessare i personaggi principali della trama — di fronte a Dio e alla propria coscienza. «Il pentimento è stato abbastanza, ma il rimorso non è stato», ha ben descritto la sua fede lacerazione libreria Димсдейл. Nella versione cinematografica del romanzo non riflette nessun pentimento, nessun rimorso, ma è presente solo entusiasmo i tuoi sentimenti come con l’uno e con l’altro lato.

Secondo la versione sceneggiatore, autentico pentimento è toccata solo Чиллингуорта. Anche se nel suo caso il motivo principale di questo sentimento ha anche subito una forte trasformazione.

Mentre gli spettatori italiani умиляются spionaggio Гестер Prien a nudo bel prete, gli americani criticano cinematografici Жоффе valeva. La ragione di tale differenza apprezzabile in disaccordo è chiara. Senza il supporto di libri di testo il film sembra vaniglia-rosa ampiamente eseguite, che è interessante da vedere una volta. Ma gli americani studiano «la lettera Scarlatta» di Nathaniel Hawthorne in lezioni di letteratura a scuola. Immaginate di loro di vedere grottesco finale e molto realistica una scena intima, mentre in realtà il momento piccante racconto di Hawthorne — un tentativo di Гестер togliere dalla testa la cuffia prima di Arthur.

Consiglio il film a guardare solo se si è sicuri che in nessun caso non leggere il romanzo «la lettera Scarlatta». In caso contrario, lo spettatore rischia di ottenere una forte dissonanza cognitiva.



Nuova recensione: la lettera Scarlatta 27.08.2016