Nuova recensione: Коллекционерша 30.08.2016



Eric Romer, шагнувший al cinema relativamente tardi, molto più convincente di molti altri è riuscito a dimostrare l’incomprensibilità della natura umana, e in questo ha aiutato un sacco di parole. Il più usato non per le informazioni, ma come rivelazione nel mondo e la natura di un particolare personaggio, indipendentemente da sesso, età e altri fattori. Se nel film di Tarkovskij prevalente valore ha avuto vocale, il minimalismo, il Romer sua epoca rivelato attraverso «le persone che si muovono e parlano». «Коллекционерка» in questo senso, è stato il primo esempio lampante, e il Romer ha dato un quarto il numero di sequenza in sei cosiddetti «Sentenzioso storie».

Già nella prima scena il ritratto fotografico in topless eroina in riva al предвосхищяет misterioso sconosciuto ромеровского narrazione con un pizzico di resurrezione хичкоковских tradizioni di ricerca di voyeurismo, di ipocrisia e di altri fattori di personalità, преломляющихся in specifico ambiente di desiderio sessuale in uomini e donne. Intrighi aggiungerà e quello che lo script del film è stato collettivo, e il monologo del protagonista Adrienne ha scritto l’attore Patrick Бошо. Fin dall’inizio del suo percorso Romer camminato per un certo rischio di creativo, che ha richiesto e da tutti gli altri.

Quindi, un gruppo di persone, che rappresentano la generazione più giovane della società francese di fine anni ‘ 60, diventa la casa di campagna nel sud della Francia. Tra di loro — Adrien, un uomo di classe media, che non per sentito dire, conoscono l’arte di flirtare e tecniche di seduzione sesso opposto, ma qui è volutamente limita fisicamente e mantiene la distanza di sicurezza, che l’ha portata sotto soggettivi personali esigenze, una sorta di desiderio di ничегонеделанию e solitudine. Adrien buono sé e nei suoi occhi pieno di fascino irresistibile, dona a lui un po ‘ di base di comportarsi con le persone secondo le sue regole. Improvvisamente si trasforma in un intermediario nelle relazioni tra i due turisti a fronte dell’artista Daniel e ragazze di Heidi. Adrien guarda con interesse la loro reciprocità, di tanto in tanto simile al gioco, e si presenta con la propria strategia di comportamento con Heidi.

Simbolico amore dramma passa in secondo piano, quando il regista ricorda la fuga di ciascuno dei personaggi da una forma di vita ad un altro, anche di routine, ma più perfetto in termini di divulgazione in sé qualcosa di importante. Superficie di giocosità e di falsità in un triangolo Adrien-Heidi-Daniel c’è una sorta di auto-inganno per il pubblico e più della trinità. Volumi passatempo, sulla costa del Mediterraneo inebriante non solo personaggi, ma anche gli spettatori interessati a massimo sviluppo di questa storia. Là, dove il tempo sembra essersi fermato, e non voglio indulgere anche sogni, solo essere te stesso e si fondono in armonia la natura, le persone e rimangono persone, costituiscono aggeggio equazione con tre sconosciuti gli uni agli altri nomi. Ognuno si sforza di togliere immaginario maschera con un altro, esporre o schiacciare pesante formulazione. La loro azione è in realtà chiaro e progettato, sono come gli elettroni si muovono al suo орбиталям, alternativamente, occupando posti liberi sul territorio del comune атомистического spazio di una casa, sia che si tratti di un balcone, una poltrona o posto del telefono, che può risolvere tutti i problemi e fuori gioco di qualcuno. Di per sé, l’equazione rimane irrisolta.

Società stessa corrompere la sua naturalezza, in cui ha un disperato bisogno, sulla scia di Rousseau che ci ripete Romer. Questo accade continuamente, come è il caso con Адриеном, продолжавшим pensare, che vive in un ambiente naturale spontanea idillio fino alla consapevolezza che il percorso di «barbaro», che per flaunt il suo rivoluzionario configurato amico Daniel. In seguito a questo, effimere proprietà ha acquisito e il pensiero di raffinata libertà — Adrienne sempre bisogno di gioco e la presenza di degni avversari, non è così, se si è trovato in questo posto?

«Коллекционерку» vale la pena di vedere a tutti. Questo è veramente affascinante e sensuale lontana francese dell’epoca, окарашенной aspirazioni rivoluzionarie, visualizzata attraverso il prisma della sua principale forza motrice — intellettuale dei giovani con il suo disprezzo per la falsità e l’ipocrisia. Vi sorprenderà radicale sguardo rappresentanti di quella generazione sul problema dei rapporti tra i due sessi e una serie di altre questioni. Che senza Romer sicuramente sarebbe rimasto solo un vuoto chiacchiericcio annoiato della borghesia.



Nuova recensione: Коллекционерша 30.08.2016