Nuova recensione: Jeepers Creepers 03.11.2017



Fratello e sorella Дэрри e Trish per strada a casa dal college affrontare pazzo autista, устраивающим ragazzi fastidio su una desolata strada. Dopo aver giocato in condizioni folle, la macchina protagonisti salta spaventoso tipi di camion e continua il percorso tra le braccia di conversazioni familiari. Dopo qualche tempo, compagni di viaggio si accorgono del suo aggressore, si fermò vicino a una chiesa abbandonata e che trasferisce nella sua cantina convoluzione delle insanguinato di fogli bianchi. Insaziabile curiosità e il desiderio di dare una mano al suo prossimo coinvolge i viaggiatori in безвыходною la gara con la morte nella carne.

Sceneggiatore e regista Victor Salva, volendo creare un nuovo «culto» e di raccogliere il numeroso esercito di suoi seguaci, va dai sentieri battuti, e all’inizio del secolo ripercorre il grandissimo successo di film anni ’70 e’ 80 e produce sugli schermi il frutto di nome «Jeepers Creepers». Silenziosa creatura senza nome zelo cercando di stare in fila con i «mostri» da scioccanti e memorabili di «A Nightmare on Elm Street», «Friday the 13th», «Halloween», «Hellraiser» e più tardi «Predator». Nebbia di incertezza che accompagna gli antagonisti delle immagini, arriva fino all’inizio del XXI secolo e intralcia la coscienza degli spettatori, i principianti febbrilmente di autorizzare il mostro di poteri straordinari e di inventare una storia della sua formazione. Ma, come si addice a qualsiasi зарождающемуся cult «demone», le motivazioni del suo comportamento e le caratteristiche di spicco, che ha permesso di ricreare una copia del soffitto della cappella Sistina, volutamente abbozzato superficiale e lasciano spazio a un eventuale proseguimento del massacro.

Il problema di fondo, ha preso la strada del movimento film sulla cima di riconoscimento, diventa francamente disordinata lavoro prescrizione motivazione eroi in rotanti di scena eventi e di maturazione di numerosi lunghi dialoghi sufficiente di informazioni. Innumerevoli sciocchezze e manca nei confronti di quasi ogni personaggio trasformano il quadro memorabile passi, cucita colorato entità, расхаживающей sotto il ritornello di una vecchia grande successo degli anni ‘ 30 «Jeepers Creepers» Harry Warren e Johnny Mercer, e l’unica significativa frase di tutto cronometraggio: «Sai, nei film horror c’è sempre qualcuno che fa qualcosa di molto stupido, oltre che tutti gli altri lo odiano … lo stesso caso».

5 di 10



Nuova recensione: Jeepers Creepers 03.11.2017