Nuova recensione: il Custode del tempo 28.12.2017



Vorrei iniziare con il fatto che «il Custode del tempo» (titolo originale del film «Hugo») è una favola, ma una favola per adulti. Non è che non è possibile guardare i bambini, solo l’attuale generazione cresciuta a «Madagascar» e «Harry Potter» non lo capiranno! Qui non c’è la magia a cui siamo abituati, non ci sono bacchette magiche e incantesimi, qui non c’è abituale per noi la magia. L’unica magia che è presente qui questa è la magia del cinema.

La storia raccontata in «i Custodi del tempo» incredibile, sì, e il genere che ha mantenuto il film non è chiara: si tratta di una favola, e il dramma e la biografia. C’è qualcosa da vedere, qualcosa su cui riflettere. Paesaggi di Parigi di notte, senza pretese musica cattura noi, con i primi minuti del film, entri nell’atmosfera della città vecchia. Per il tuo spirito, il film è molto simile al modello di Woody Allen «Midnight in paris», entrambi del regista si sono rivolti allo stesso tempo, alla stessa epoca.

Il cast del film, è così forte, che abbagliati dall’abbondanza di nomi di stelle. A partire da personaggi secondari: questo e al capostazione — ispettore Gustav ruolo che aderisce Sacha Baron Cohen, che a mio parere è il suo unico imputato il ruolo, la signora con il cane attrice Frances de la Tour, il padre di Hugo — Джуж Lowe, bibliotecario monsieur Лабисс — Christopher Lee, e la mamma Giovanna — Helen Mccrory, tutti sono un po ‘ inferiori personaggi principali, il che conferisce al nastro di un colore.

Per quanto riguarda gli artisti protagonisti, la stella principale del film può essere chiamato Ben Кинглси, ha interpretato benissimo il ruolo del grande Georges Méliès, il padre del cinema, ha girato circa 500 film, ma in bancarotta durante la Prima guerra mondiale. Il ruolo di Hugo ragazzo intorno a cui fin dall’inizio comincia a girare la trama, è andato al giovane britannico киноактеру Ace Баттерфилду, запомнившемуся me per il film «il Ragazzo con il pigiama a righe», è riuscito a trasmettere l’immagine di un povero picchiato, ma temperato vita di un ragazzo che è costretto a girare in questo mondo crudele, per sopravvivere e non entrare in un orfanotrofio. Il secondo giovane, ma non meno talentuoso attore pittura è «amica» di Hugo, la figlioccia di Méliès Isabel — Chloe Moretz è inferiore al suo partner solo per la quantità di tempo sullo schermo.

Il film non ha una particolare colonna sonora, ma è difficile immaginare senza la musica di Howard Shore vincitore di 2 premi Oscar, è così colorato e facile, che abbiamo subito immergiamo nell’atmosfera degli anni ‘ 30 del 20 ° secolo.

Discreti gli effetti speciali, la scenografia, i costumi, il tutto va in più al film, tutto l’altro integra, e sembra non sia qualche dettaglio, qualche fotogramma tutto sarebbe crollato, e trasmesso lo stato che ha voluto trasmettere il regista Martin Scorsese.

«Il custode del tempo» è un film dopo, di visualizzazione, di cui è impossibile non innamorarsi al cinema, dopo aver appreso la storia del volo e la caduta di un grande regista, l’oblio e rinascita. Oltre a una buona immagine, la qualità del suono, il totale di quello di 5 premi Oscar rispettabile. E alla domanda di un buon film o un male non sta a me decidere, e a Voi!

8 di 10



Nuova recensione: il Custode del tempo 28.12.2017