Nuova recensione: Godzilla: la Rinascita 11.11.2017



Non valeva la pena di chiedersi, che dopo il «Godzilla» il 2014 sarà un altro riavvio, già da studio Toho. Di questo film ho tanto aspettato, come altri tifosi, perché è già trentesimo per conto di un film su Godzilla, ma il risultato inaspettatamente addolorato.

E ‘ successo qualcosa di inimmaginabile — giapponese riavvio era peggio americano. A differenza di Gareth Edwards Хидэаки Anno e Shinji Хигути utilizzato attivamente prestiti diretti dei film precedenti. Ricordando «le Finali della guerra», questo si può essere felici, così come ci validi riferimenti in abbondanza. Tuttavia, con il «Vero Годзиллой» molte cose non sono andate come previsto. I suoni dei vecchi film causano una piacevole nostalgia, ma nel nuovo film utilizzati molto goffamente e male. Lo svantaggio principale qui è che recordists erano troppo pigro per portare nel film qualcosa di nuovo. I colpi, distruzione e anche ringhio Godzilla — tutto questo abbiamo già sentito prima in senso letterale. Per il film dello studio Toho, così celebre per le sue inimitabili effetti sonori, questo è un vero peccato.

Chiaramente sulla base di «Godzilla» 1984, Хидэаки Annaud ha sviluppato uno script, saturo politica e si svolge esclusivamente intorno l’azione delle autorità di Tokyo in questa situazione. Ma se nel film del 1984 tutta questa patetica e взывало pubblico sincera simpatia, ora infinite riunioni dei ministri e il loro dibattito terribilmente fastidioso, e i personaggi principali non voglio entrare in empatia. Nonostante la partecipazione nel film talenti come Sadica Кунимура, Akira Emoto e Кимимо ° , non possono tirarsi su di sé il resto del cast. Sorprendentemente, fanno schifo anche quelle capaci di attori come Hiroki Hasegawa, Satomi Ishihara e Kanji Tsuda. La ragione, stranamente, sta nel Shinji Хигути. E ‘ impossibile aspettarsi un tale fallimento del regista recenti «Attacchi Titani»! Invece di orientamento per un totale di coesione personaggi ha ricordato il suo precedente film «caduta dell’Impero» (2006) e «il Vero Godzilla» ha impregnato ancora più aggressivo grido, mascherando sotto il patriottismo.

E che lo stesso Godzilla? Con lui in questo film, troppo lontano non tutto è andato liscio. Invece di un gigantesco fiocco динозавроподобного lucertola davanti a noi si presenta una sorta di мутировавшая угреобразная pesce, che prima di raddrizzare in piena crescita, miseramente brividi per le strade della città, senza battere ciglio e non emettendo quasi neanche un ruggito. La presenza di Godzilla diverse fasi di sviluppo è chiaramente non è quello che volevamo. Prima sembrava non Godzilla e i suoi nemici come Хедоры. Viola atomico raggio, con una trama sicuramente meglio di quella della candela, che prendeva fuoco la si mette nella bocca del mostro di riavvio del 2014, ma molto peggio delle versioni precedenti con il plasma. Il verdetto è inequivocabile: Godzilla non è lo stesso. E ‘ troppo rigida e innaturale tenace per quella creatura, che ora è diventato. E anche una sorpresa inaspettata, преподносимый loro negli ultimi secondi, non può risolvere il problema.

Il mondo è chiaramente capovolto a testa in giù, se in Giappone il riavvio è stato così trascurato. E ancora speranza per un futuro migliore vive, così come per поправления esteri solo si desidera modificare il regista. Questo film ho messo un voto basso. Non è poi così cattivo come «Terrore Мехагодзиллы», ma ancora peggio la maggior parte degli altri.

4 di 10



Nuova recensione: Godzilla: la Rinascita 11.11.2017