Nuova recensione: Dunkerque 27.12.2017



Film divertente, soprattutto fortunati scene di combattimento aereo. Ipnotizza una gigantesca giostra: la Completa superiorità del Mare sopra la gente, in piedi sulla riva. I più disperati possono gettarsi a nuoto per salvare l’Isola, ma è improbabile per aiutare. Signorile superiorità Navi sul Mare, con facilità покоряющих sua immensità. I bombardieri hanno il potere sopra le navi, вычерчивая tedesco traiettorie perfette tramonto sul bombardamento. Caccia grazia derivano dal gioco tracciante code grasse lenti bombardieri. E la gente, in piedi sulla riva, dominano commesso di atterraggio combattente e un pilota.

Il film mostra il rovescio della guerra, il suo invisibile, sporco, schifoso lato. Quando l’uomo smette di essere se stessi. Solo la paura, il terrore, la paralisi della volontà e del corpo. L’inutilità di tutto ciò che sta accadendo. Probabilmente, quindi, i soldati, hanno partecipato in prima linea, quasi mai parlato di guerra. Vergogna e paura anche in mente di tornare.

Francamente mostrato lo stile di comportamento degli inglesi in una situazione difficile: prima riusciremo a salvare noi stessi, gettando sulla morte dei suoi amici e alleati. E se avremo la possibilità, e ti aiuterà. A causa del mare. Con loro Isola. In primo luogo verbali тирадами. Russo detto «Il погибай e compagno delle cauzioni» è percepito come barbarie e ignoranza russi barbari.

Locale inglese incontra la popolazione in ritirata, in fuga i soldati come i vincitori? Non ci credo. Confronta con la reazione dei nostri civili nel film «Hanno combattuto per la Patria».

L’impressione generale è duplice. Spettacolare. Luoghi sinceramente. Forse è una moda nel mondo del cinema: la versione inglese di «Leviathan»? Esibizionismo?

7 di 10



Nuova recensione: Dunkerque 27.12.2017