Nuova recensione: Dunkerque 25.12.2017



Tutti, senza eccezione, hanno diritto alla propria opinione! La mia ferma opinione: Christopher Nolan e il suo team, dopo aver fatto enorme mole di lavoro è, di nuovo, non solo mantenuto, ma e alzato il livello di qualità dei loro film e militari di film in generale!

Relazione storica parte del film: i più precisi fatti sempre è possibile ottenere solo da noi i partecipanti all’evento, o da persone che intrapresero grande e diligente lavoro di raccolta di testimonianze, fatti, documenti e così via Tutte le altre informazioni condannato in presenza di ipotesi e speculazioni.

Riguardo il film stesso: Nolan già troppo esperto e professionale, per sbagliare nelle sue creazioni, il suo perfezionismo in tutti i dettagli, non lascia spazio «косякам». Se a qualcuno è sembrato che alcuni episodi nel film «serrate», «superfluo» o «spinto per le orecchie» — la critica qui è fuori luogo e stupida — questo regista non è proprio così. Se un singolo momento l’impressione di troppo malleabile o non è molto plausibile — e ‘ cio ‘ di cui hanno bisogno per creare la giusta tensione, per il colpo di scena o di divulgazione dei personaggi. E Nolan ha fatto tutto esattamente come voleva LUI. Né più, né meno. Lo scopo principale del film (senza contare i milioni di casse, ovviamente!) era quello di creare il senso di angosciosa attesa «avanza sulla scia di» da tutte le parti morte imminente e disperata lotta per la sopravvivenza, e non dimenticare di dare allo spettatore la possibilità ancora una volta, anche se per pochi minuti di comprendere la propria vita.

L’atmosfera, schiava di una messa in scena scene, logo stampato, già personalmente me riconoscibile transizioni (lo stesso modus operandi di un operatore Heute van Хойтема si può chiaramente прочувстввать e in «Интерстелларе») e, naturalmente, perfettamente sovrapposto musica di nuovo e di nuovo genio di Hans Zimmer — per l’ennesima volta ha confermato il suo indiscusso talento e il duro lavoro dei creatori di questo film!

10 di 10

Aspettero ‘ con ansia il nuovo film!



Nuova recensione: Dunkerque 25.12.2017