Nuova recensione: Dio non è morto 2 30.08.2016



Il film «Dio non è morto 2» riflette la realtà della vita negli stati UNITI. Sì, è così, in America nelle scuole pubbliche non si può predicare di Dio, è vero che i discepoli «bussare» per i loro insegnanti. Davvero, la gente perde il lavoro per questo. Il minimo punizione forte retrocessione, dopo il quale il lavoratore si vuole andare.

Nel film si concentra sulla «separazione dello stato dalla chiesa», citazione di Jefferson in una lettera al баптистскому pastore, che è distorta a causa della mancanza di un contesto di tutta la lettera. Il significato era che lo stato non può influire sulla chiesa, ora non può essere la menzione della religione. Lo stato non può emettere una legge che vieta o si occupa di promuovere la religione, perché, della scuola pubblica supportato dai contribuenti a causa di questo, gli insegnanti non possono parlare di Dio anche nel contesto della lezione, in quanto questo può essere considerato un sermone.

La frase che ha detto il sacerdote: «la Pressione che i cristiani stanno vivendo oggi, sarà inseguimento di domani — è la guerra», quello che sta accadendo oggi, qui si parla di spirituale, emotivo pressione. Puoi essere il rappresentante di una religione, ma se sei un cristiano e tu dichiari apertamente su questo, su di te possono guardare di traverso, o costretti a tacere. I buddisti, i musulmani e gli altri diventano un trucco e il coinvolgimento qualcosa di elite, in modo da nessuno e le parole non dirà il contrario, loro cercano di non discriminare, ma con il cristianesimo è tutto diverso.

La sceneggiatura del film è ben strutturato e tutte le storie legate tra loro. Una storia che si aggrappa a un altro e, in ultima analisi, portare ogni personaggio nel film alla risoluzione di conflitti psichici o di problemi reali. Qui si intrecciano diverse storie che raccontano su questioni di attualità scelta del futuro percorso.

Interessante il cast.

Con umorismo anche qui, tutto bene.

Qui vogliono mostrare il carattere di un vero cristiano. Che cosa avrebbe detto se si fosse cosparso di caffè? E come ha reagito il sacerdote si può imparare in un film.

Un buon film, supera la prima parte

8 di 10



Nuova recensione: Dio non è morto 2 30.08.2016