Nuova recensione: blade Runner 2049 13.10.2017



Nonostante scoraggiante all’apocalittica paesaggi e futuristici i tipi di киберпанкового metropoli, la vita del protagonista la sua abilità di Kay (Ryan Gosling) appare in sospetto familiare per il membro laico tela: il lavoro odiato, eternamente insoddisfatto capo, studio in un grattacielo con i vicini-маргиналами, e anche nella vita privata lo stato «difficile». Tuttavia, come in ogni genere cinematografico trama all’improvviso tutto cambia. Un ritrovamento all’ultimo lavoro oggetto richiede di Kay per la sua interpretazione passare attraverso un lungo percorso e di imparare molto su di te e il mondo, dove vive.

A proposito di mondo. Il mondo creato D. Вильневым sicuramente un mondo in cui nessuno è felice. In una cornice di talento creato estetica spaventoso high-tech della città con preoccupante, будоражащим accompagnamento musicale. Gli eroi di questo mondo sono in infinito, su una faccia con il buon senso, la ricerca di un obiettivo, solo questo è l’obiettivo di tutti è diverso. Il magnate Wallace (Jared leto) sogna, fece paragonando se stesso Creatore, ricreare questo tipo la sua abilità, che possa riprodurre i propri simili, assistente magnate replicante Love (Sylvia Hooks) in lotta per il titolo di «Migliore di un angelo» e fugace promozione di Wallace, бесплотная amica Kay Joy (Ana de Armas) vuole anche solo per un attimo di sentire vivace e interessato, e la stessa Kay — conoscere, infine, chi ha i cui ricordi continuamente nella sua testa — propri o impiantati.

In generale, di che parla questo film? Nel mondo del futuro, in cui nessuno vuole vivere, ma a cui siamo fortemente impegnati con le loro azioni. Sulla ricerca di se stessi e delle risposte alle domande che più importante che salvare la vita. Infine, sulla scelta che fa di te un uomo.

10 di 10



Nuova recensione: blade Runner 2049 13.10.2017