Nuova recensione: Benvenuti nel Zомбилэнд 30.08.2016



In assenza di continuare la vostra драйвового film con Woody Харрельсоном nel ruolo del protagonista, lo spettatore rimane di volta in volta godere il primo film, in cui quattro personaggi affrontano orde di morti viventi. Mentre la data di uscita della seconda parte, annunciato Ruben Fleischer è sconosciuta, le nuove avventure di Тэллахаси (Woody Harrelson), Columbus (Jesse Eisenberg), Wichita (Emma Stone) e Little Rock (Abigail Breslin) restano dietro le quinte…

A differenza della maggior parte dei film sull’apocalisse zombie, «Benvenuti in Zомбилэнд» appare non solo un ottimo film di intrattenimento con elementi di commedia, horror, thriller e dramma, ma è un buon manuale di sopravvivenza in preda mortale epidemia paese. Nel corso del film il protagonista Jesse Eisenberg racconta di importanti regole che permetteranno di sopravvivere. E, ognuno di essi ha il terreno sotto i piedi: se vuoi la fretta di scappare da vampiro — non essere in grassetto, non vuoi essere messo all’angolo — lasciare aperta ricambio porta, non vuoi attacco posteriore — sempre trovare il tempo per il controllo di un colpo in testa… Insomma, tutto è semplicemente geniale!

Quattro suddetti personaggi viaggia in preda a un morto resuscitato America, cercando di trovare un posto dove malvage non sono ancora arrivati. Lungo il percorso alla presunta destinazione approfittano e si esprime se stessi il piacere apparentemente le più normali: per sollevare l’umore è sufficiente schiacciare un negozio su strada, e per fare casino — si può guardare in qualsiasi casa ricco e trovare qualcosa che si può trarre profitto, e come farsi i muscoli.

Fleischer non inventare di relazione zombie nulla di nuovo (qui solo Paul W. S. Anderson con la sua «Dimora del male» «tuttofare» è), l’armamento dei morti la loro arma principale — massiccia e ненажорливостью. Non gestite creature erano molto spettacolari, e il trucco applicato su di attori e comparse, molto veritiero e realistico.

Nonostante tutta la servirò e la crudeltà degli eventi descritti, Ruben fleischer è viti fino a trama episodi comici, che sono una sorta di scarico per lo spettatore (circa come i pogrom per Теллахаси e Co). Solo che sono falliti ricerche barrette di «Twinkie» eroe Woody Харрельсона o battaglia Columbus con spacey una donna-compagna di 406 appartamenti (sexy Amber Heard, tra l’altro). E, naturalmente, la scena con Bill Murray e ‘ una figata! Soprattutto negli ultimi respiro affannoso nel momento, quando già tutti credevano morto.

«Benvenuti nel Zомбилэнд» si può facilmente togliere le frasi e godere al caso. Così, uno dei preferiti — «Vai, maiale», detta Тэллахаси è il più adatto per l’addio con un vecchio amico, e «Sottrarre la persona del figlio e ha più nulla da perdere» — per parafrasare possono essere portati in qualsiasi anche come qualcosa di importante…

Fleischer ha riempito il film di ottima musica, che crea la giusta atmosfera. Per mostrare l’orgia dei morti durante i titoli di testa come non mai, una canzone dei Metallica — For Whom The Bells Tolls, e per un episodio, quando Тэллахаси si ritrova circondato da una folla di zombie in un chiosco in un parco di divertimenti, non pensare di meglio надрывной strumentale del brano, in contumacia хоронящей eroe Харрельсона e dà allo spettatore di capire che i suoi giorni in Zombilandia contati… Per strumentale generalmente un ringraziamento speciale al compositore David Sardi — la musica è buona e spettacolare, e in combinazione con unità выплескивающемся con schermo — in generale offre un incredibile piacere.

In conclusione, vorrei sottolineare che l’uscita del tanto atteso in qualsiasi momento potrete continuare troppo ritardata. Il film è bello, ma perché sequel è estremamente necessario. Nel caso in cui sarà girato in stile prima parte — il successo sarà assicurato. Questo è sicuro.

Tuttavia, a guardare. Il parere imporre nessuno.

Buona visione.

10 di 10



Nuova recensione: Benvenuti nel Zомбилэнд 30.08.2016