Nuova recensione: Avversione 26.12.2017



Guardò l’Avversione, come al solito, in ritardo. La pittura è fatta di alto livello artistico, Zvyagintsev semplicemente per gravità intonazioni, le ambizioni, la tradizione culturale diretto da numero 1. Ammiro la sua naturalezza dei dialoghi, micro-типажами come ubriachi fanciulle o la madre della protagonista, opera. In questo quadro è ancora e suspense dà, pompa falso in attesa di essere in buona salute. Un grande bravo e di talento, merita e della navigazione e di rispetto. Anche e lisci le promesse in forma Linguistiche e una giacca sportiva Russia a causa di un modesto volume non è così occhio e ridotto. Molto simile, a proposito, Мунджу in generale, e il suo modello di esame di stato, in particolare. Il cinema «morale preoccupazione» è raramente molto proprio talento artistico e dell’operatore e del compositore non cancellano il fatto che il cinema in generale è molto дидактичное, diretta come la ferrovia e privo di sfumature. Il ragazzo poteva scappare e non così окарикатуренных i genitori, che non sono così tipici. A differenza del Leviatano in Antipatia meno di espressione, tutto molto credibile e convincente, ma, anche in questo caso, non c’è nulla a livello con la grande scena, quando il ragazzo lasciato a casa familiare, e nessuno a filo con Мадяновым. In generale, le ultime due dipinti sono inferiori a Elena, la più perfetta immagine Zvyagintsev. Ho avuto il piacere durante la navigazione, ma il regista non mi ha sorpreso. Vorrei pensare che Звягинцеву in grado di fare un passo da critica sociale in direzione di una maggiore universalismo, relativamente Bergman, bo è un regista di nome, molto bravo e con costanti top-nomination può negoziare con attori occidentali e padroneggiare altro materiale. Una volta che qualcosa non притчевое, europeo materiale da lui voglio vedere.

7 di 10



Nuova recensione: Avversione 26.12.2017