Notizie su film per 30.08.2016 — Renee Zellweger sul ritorno al cinema: «Ho di nuovo sete di un processo creativo»




—>

Sei anni di Renee Zellweger non gradivano i suoi fan freschi киноработами, ma quest’anno l’attrice è finalmente tornata sul grande schermo. E non in un qualcosa di assolutamente nuovo progetto, e nella terza parte amato la storia di Bridget Jones. Perche ‘ tanto e perché ha deciso di tornare, Zellweger ha detto in un’intervista rilasciata al American Way.

Avevo intenzione di prendere una lunga vacanza nel 2002, dopo aver recitato in «Chicago», ma poi sempre pensato che posso perdere qualcosa di importante nella sua vita, e a me questa cosa piace.

Più tardi ho capito che non posso sempre passare da un set all’altro, così ho deciso di vedere come le cose cambieranno, se ho ancora temporaneamente smettero ‘ di lavorare.

Come ha detto Zellweger, durante la lunga vacanza lei molto partecipe progetto di carità, un viaggio in Thailandia, Cambogia e Liberia, dove si incontrava con locali жительницами, che ha insegnato far valere i propri diritti.

Viaggi in posti non è solo un ottimo modo per capire se stessi, ma anche per vedere con i propri occhi, come le persone vivono in altri paesi.

Tuttavia, con il tempo Zellweger inizio a sentire l’impellente necessità di tornare a quella attività, per cui su di lei tutto il mondo ha imparato:

Ho di nuovo sete di un processo creativo. Ho smesso di recitare, perché questo processo è diventato esaurire me, anche se prima e riempiva le forze. Dopo un tempo che il mio corpo ha cominciato a chiedere il ritorno nell’industria. Poi ho capito che è pronta.

Proprio in quel momento, quando Zellweger ha ripreso ricerca di progetti per le riprese, si cominciava a parlare di produzione di terze parti del film «Bridget Jones». Naturalmente, l’attrice non poteva rifiutare i creatori del progetto.

Io adoro il suo personaggio. E tutti i miei amici la adorano. Il sequel è diventato un motivo in più per tornare al cinema.



Notizie su film per 30.08.2016 — Renee Zellweger sul ritorno al cinema: «Ho di nuovo sete di un processo creativo»