«Jean-Claude Van Johnson»: E ancora una volta con un senso di 30.12.2017




«Jean-Claude Van Johnson» — шестисерийный serie comedy Amazon, in cui Van Damme seconda volta pubblicamente e spettacolare, rispetto agli altri si occupa di autocritica, саможалостью e самопародией. Ma se «ЖКВД» è ancora un dramma, dove in quel momento realmente dimenticato кинолегенда superato la quarta parete e l’ho detto personalmente a te, come a lei fa schifo, in «Johnson» ossessionarti velata sotto assurda commedia di spionaggio. La storia, la carriera di attore Jean-Claude — è solo una copertura. In realtà è un agente segreto, uno dei migliori in Agenzia, che, per inciso, è anche coperto industria cinematografica. Ha un sacco di anni era in pensione, fino a quando non è stato richiamato — esporre наркосеть. E allo stesso tempo inviato in Bulgaria recitare in un fumetto-ridefinizione di Huckleberry Finn, riducendo con l’ex fidanzata, con cui tutti quando qualcosa di imbarazzante finita.

Con l’aiuto dello sceneggiatore del primo «the expendables» (da cui a suo tempo Van-Damme ha rifiutato e solo poi, in ritardo ha scelto per la seconda parte) belga muscolo tre ore complete стебется sopra Hollywood il vecchio e il nuovo, letti figure come Max Landis e Nicolas Cage, personale фильмографией e di se stessi. Non sta scuotendo le mani su nastro VHS, eroicamente si siede su di spago, pulisce vero e proprio monumento di se stesso a Bruxelles, dove poi non riconoscono i turisti, fa di tutto di colpo le gambe con inversione, ricorda e cita la metà dei suoi film e più volte cercando di andare verso il tramonto, ma non se ne va.

A metà stagione assurdo raggiunge il livello di «Archer». Strano che alla fine non appaiono cyborg o alieni, ma d’altra parte, i propri colpi di scena non peggio. Nel frattempo è già molto vecchio Van-Damme, a volte simile a Kobzon, cammina sulla lama sottile. A volte è difficile capire quanto in una scena di nostalgia, e quanto divertimento. A volte sei sinceramente avuto pietà di lui, e a volte sembra che il cinema si sbaglia di grosso, e ЖКВД francamente, troppo pesa su di pietà.

Tuttavia, «Johnson» trova il tono giusto e le parole giuste nel momento finale, e questo è divertente, ma terribilmente идиотичная e киноманская трэшатина si trasforma in una storia commovente di come triste Jean-Claude Van Damme finalmente innamorato di te. E ‘ rimasta una cosa in sé, ma è diventato un grande, di un insieme di gag. E non sia «ЖКВД» di dieci anni fa, e non sarebbe stata una svolta. Ma un vecchio episodio, dove Van Damme decolla su un set cinematografico e riversa l’anima per la fotocamera, ancora più potente di tutto questo. Grande momento, che il desiderio di ripetere non riuscirà.

Mettere il film stima!


«Jean-Claude Van Johnson»: E ancora una volta con un senso di 30.12.2017